La Chiesa

Fondata nel XIV secolo sull’area dell’antica casa di Santa Paola, dove nel V secolo era stato ospitato San Girolamo, la chiesa fu ricostruita verso il 1654 da Domenico Castelli. Nel convento adiacente aveva abitato, tra il 1551 e il 1583, San Filippo Neri. Egli fondò per primo l’oratorio.

La facciata è opera di Carlo Rainaldi (1660). L’interno è a navata unica, coperta da un ricco soffitto ligneo intagliato. La prima cappella a destra è la Cappella Spada, opera di Virgilio Spada, realizzata con la collaborazione di Francesco Borromini, decorata da un ricco rivestimento di diaspro e marmi preziosi, che simulano un apparato funebre, con ovali con busti di antenati e una ghirlanda di bronzo che incornicia un prezioso dipinto del XV secolo.

Sull’altare maggiore, disegnato da Carlo Rainaldi, è collocata una copia dell’Ultima comunione di San Girolamo del Domenichino, oggi alla Pinacoteca Vaticana, realizzata sull’esempio del celebre dipinto di Agostino Carracci. Tra le altre cose notevoli si segnala la cappella Antamori (1708), unica opera romana di Filippo Juvarra, ornata dalla statua marmorea di San Filippo Neri di Pierre Legros.